L'Affiche Rouge - wacatanca

Via Conte Rosso n. 20
20134  Milano (MI)

Wacatanca
Centro di documentazione
Vai ai contenuti

L'Affiche Rouge

Pubblichiamo la canzone di Leo Ferrè per rendere omaggio, non solo ai 23 combattenti comunisti dei FTP-MOI fucilati il 21 febbraio 1944 dai nazisti, ma a tutti gli uomini e le donne che hanno perso la vita lottando per la libertà e la giustizia sociale.
 
Il poeta Luis Aragon scrisse la poesia (diventata il testo della canzone) facendo riferimento ad un episodio della resistenza francese conosciuto come “L'affiche rouge”. Successivamente si accostò a “L'affiche rouge” la storia del “gruppo Manouchian”. Ma non è mai esistito nessun “gruppo Manouchian”! L’invenzione di tale gruppo è funzionale alla campagna di distorsione e depotenziamento di una esperienza fra le più significative della Resistenza europea, che ha visto nei FTP-MOI la sua espressione più avanzata. Il cofanetto “Alle origini dei Gap” chiarisce perfettamente tutto questo. Quindi nessun “gruppo Manouchian”, ma una organizzazione comunista combattente composta da immigrati, i FTP-MOI, a cui appartenevano i 23 comunisti fucilati dai nazisti
FTP-MOI
(Franchi Tiratori Partigiani – Mano d'Opera Immigrata)
Nel 1942 le organizzazioni partigiane, alcune delle quali operanti nella regione parigina fin dall'estate 1940, sono state sterminate dalla polizia francese e dalla Gestapo; restano attivi nel 1943, accanto all'organizzazione della Resistenza addetta alle informazioni, quasi esclusivamente i gruppi armati dei FTP-MOI (Franchi Tiratori Partigiani – Mano d'Opera Immigrata), 65 resistenti che non hanno generalmente la cittadinanza francese braccati da 200 ispettori della Brigate speciali del servizio informazioni della Préfecture de Police (Questura), oltre che naturalmente dalla Gestapo.
Sono quei 65 che in 18 mesi, giugno 1942–novembre 1943, compiono 229 azioni contro gli occupanti, cioè una ogni due giorni. L'azione più spettacolare ha luogo il 28 settembre 1943, quando quattro membri dei FTP-MOI (Celestino Alfonso, Spartaco Fontanot, Léo Kneler e Marcel Rayman), giustiziano in rue Pétrarque, nell'elegante 16° arrondissement di Parigi, il generale delle SS Julius Ritter, responsabile dell'invio di 500.000 francesi in Germania per il STO (Servizio del Lavoro Obbligatorio).

L'arresto
23 membri dei FTP-MOI parigini sono arrestati nel novembre 1943 giudicati nel febbraio 1944 e condannati a morte. Gli uomini sono fucilati nel forte del Mont-Valérien il 21 febbraio. La maggior parte di loro sono seppelliti nel cimitero di Ivry-sur-Seine. Olga Bancic, la sola donna, è decapitata il 10 maggio 1944 a Stoccarda.
Nel vano tentativo di screditare il gruppo e la Resistenza tutta, gli occupanti nazisti ed i loro alleati del regime di Vichy organizzano dopo l'arresto dei 23 combattenti dei FTP-MOI nel novembre 1943 una macabra campagna “pubblicitaria”, stampando e facendo affiggere 15.000 manifesti di colore rosso (l'Affiche Rouge) sui quali, sotto lo slogan “DEI LIBERATORI? LA LIBERAZIONE AD OPERA DELL'ESERCITO DEL CRIMINE” figurano le foto, i nomi e le azioni di 10 partigiani accuratamente scelti (5 ebrei polacchi, 2 ebrei ungheresi, 1 comunista italiano, 1 “rosso” spagnolo, 1 “capo-banda” armeno). Nel manifesto sono riprodotte inoltre 6 foto di attentati o distruzioni che rappresentano le azioni di cui i partigiani sono accusati: la sua concezione complessiva mira a presentare questi resistenti che, pur non avendone la nazionalità, combattono per il paese che li ha accolti, come dei criminali, terroristi assetati di sangue (la propaganda nazista insiste sul fatto che quasi tutti i membri del gruppo sono stranieri, in maggioranza ebrei).
Ma l'iniziativa finisce per produrre un risultato che è l'opposto di quello sperato: il popolo francese non si lascia ingannare dalla propaganda nazifascista ma si stringe con rinnovato coraggio intorno alla Resistenza e 500.000 partigiani finiscono per riscattare quanti avevano collaborato per oltre quattro anni con l'occupante nel quadro del regime di Vichy diretto dal maresciallo Pétain o erano restati a guardare in attesa di tempi migliori.
Traendo ispirazione dalla lettera che Missak Manouchian (uno dei 23 arrestati, che in quel momento era il responsabile dei FTP-MOI parigini) invia alla moglie prima dell'esecuzione, il grande poeta Louis Aragon scrive nel 1955 un'indimenticabile poesia, cantata nel 1959 da Léo Ferré, che ne compone la musica.

sottotitolato in italiano



                                                      
Centro di documentazione Wacatanca - Via Conte Rosso n. 20 - 20134 Milano (MI)
Torna ai contenuti